martedì 20 dicembre 2011

CIAMBELLONE NATALIZIO




Parlando con mia madre di com'era il Natale sessant'anni fa a casa sua ho avuto la sorpresa di sapere che oltre al tradizionale pristingo c'era anche il classico ciambellone sulle tavole natalizie di quei tempi,  non servivano di certo scampi o salmoni per festeggiare la Vigilia ma bastavano sgombri sotto sale con cavoli e patate e una bella caciotta fatta in casa per rendere la festa speciale.
In verità anche oggi con tutto il terrorismo mediatico che stanno facendo la Vigilia di Natale me la vedo quasi quasi come quella dei miei, cavoli e patate e due bruschettine che tutto sommato non hanno proprio niente da invidiare a pesci veloci del Baltico o a caviale e champagne. 
Comunque non rattristiamoci ancor di più e pensiamo invece che se un'amica ti invita a pranzo e con lei il patto era "niente regali tra noi ma tante chiacchierate e qualche abbraccio in più" allora Chabba pensa che non è carino presentarsi a mani vuote così trasforma quel dolce classico che è il ciambellone in qualcosa di ancor più natalizio perfetto per l'occasione.






Ingredienti


  • 3 uova 
  • 500gr. di farina OO per dolci
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 50gr. di zucchero
  • 2 cucchiai di miele millefiori
  • 100gr. di liquore Strega
  • 80gr. di uvetta sultanina
  • 100gr. di canditi
  • 1 bicchiere di latte
  • 1/2 bicchiere di olio di oliva
  • 1 arancia ( solo scorza )
  • aroma di vaniglia
  • cannella
  • 1 cucchiaio di semi di anice



  • mandorle per guarnire
  • granella di zucchero per guarnire
  • confettini dorati e argentati per guarnire
  • ghiaccia reale facoltativa





Mettere a bagno l'uvetta con il liquore per 15 minuti  e poi infarinatela.
Sbattere le uova con miele e zucchero, aggiungere l'olio e il latte profumare con l'arancia, la cannella e i semi di anice. Versare metà della farina con il liquore poi tutto il resto e la rimanente farina.
Versare in uno stampo da ciambella imburrato e infarinato, guarnire con mandorle spezzate e granella di zucchero e cuocere a 180° per 45 minuti ma prima di sfornare fare sempre la prova stecchino che dovrà uscire asciutto.
Glassare con ghiaccia reale che io ho realizzato seguendo questa ricetta , ne avevo avanzata dalla decorazione di biscotti quindi vi consiglio di farne metà dose.

Partecipo al contest di Francesca del blog Panna Cioccolato e Fantasia


31 commenti:

  1. Bello questo ciambellone..ha davvero l'aria di festa..

    RispondiElimina
  2. Io sono convinta che non sia il menù fichissimo a fare Natale ma l’atmosfera. Quando c’è amore, salute e la famiglia è famiglia, anche una bruschetta con l’olio da Natale. E ti assicuro che una fetta del tuo ciambellone non la cambierei con una del più strafarcito panettone. Scalda il cuore solo a guardarlo. Un baciotto e auguri di buone feste se non ci sentiamo prima :-*

    RispondiElimina
  3. Stupendo..semplice e bello...come dovrebbe essere il Natale!!! :)) e pensa che la mia vigilia sarà molto in stile "cavoli, patate e bruschette" visto che sono allergica al pesce! ://
    Proverò anche questa ricetta, grazie socera!!!;D

    RispondiElimina
  4. Una meraviglia ..come sempre questi dolci ti vengono ..appunto
    una meraviglia ciao

    RispondiElimina
  5. Questo cara mia te l copio di certo!!! Mi piacciono questi dolci semplici e profumati e spero di poterlo provare al più presto!!! Naturalmente poi te lo faccio sapere!! Un bacione e ti è venuto una meraviglia!!

    RispondiElimina
  6. deve essere delizioso...una versione molto più veloce e pratica del panettone! mi segno subito la ricetta! ;)

    RispondiElimina
  7. che bella copertura! buonissimo!

    RispondiElimina
  8. bellissimo ciambellone, hai ragione le cose semplici non hanno niente da invidiare a pietanze più moderne

    RispondiElimina
  9. Sandra sai cosa penso che i Natali piu' belli sono quelli del passato..dove non si parlava di regali o di pranzi regali ma si sorrideva a guardarsi e accorgersi che tutti erano seduti al loro posto e gioivano della semplicita' che quella bella tavola aveva...il tuo ciambellone bello e genuino come te..Serene Feste..Scarlett

    RispondiElimina
  10. Con questa bontà è doveroso partecipare al mio contest http://pannacioccolatoefantasia.blogspot.com/2011/11/contest-e-tu-natale-che-dolce-fai.html
    Ti aspetto!!!!!!

    RispondiElimina
  11. ciao chabb
    sembra un panettone glassato :D
    tanti auguri di BUON NATALE a te e famiglia.
    baci bacioni e abbracci stretti stretti!

    RispondiElimina
  12. Penso che nei Natali di un tempo c'era maggior sentimento, altro che quelli di oggi! Questo ciambellone dev'essere favoloso, non ho mai pensato di glassarlo...un abbraccio e tantissimi auguri di buon Natale!!!

    RispondiElimina
  13. Il Natale per me significa famiglia e festeggiare con le persone piu' care è sempre una cosa meravigliosa..dovremmo pensare meno ai regali vari perchè il regalo piu' bello nella vita per me è avere una famiglia unita e che ci ama e accetta per quello che siamo...il tuo dolce fa pensare a cose buone, vere e genuine e deve essere davvero una goduria!
    Un abbraccio e tantissimi auguri di un Natale felice ^_^

    RispondiElimina
  14. quella fetta è per me???? Grande Sandra!!approfitto per farti tanti auguri di buone feste a te e a tutta la tua famiglia!baci!

    RispondiElimina
  15. Stò arrivando per la colazione domattina...thè o caffè????

    RispondiElimina
  16. anche io lo vorrei domattina con il caffè, è magnifico Sandra!Un bacione...

    RispondiElimina
  17. Bravissima hai trasfornato un semplice ciambellone in un meraviglioso, ottimo ed elegantissimo dolce natalizio! E che Natale sia crisi o non crisi per qualche giorno non ci pensiamo e stringiamoci intorno ai nostri cari.
    Un grosso augurio di buon Natale e buon Anno da
    Alice

    RispondiElimina
  18. Mamma...che buono!
    Auguri Chabba...buon Natale.

    RispondiElimina
  19. tantissimi auguri cara <3<3<3 col cuore ^^

    RispondiElimina
  20. Passo per avvertirti, che la Community di Cucina Italiana ha prodotto un proprio Calendario 2012 in pdf ed un relativo librino pdf legati all'iniziativa di raccolta fondi di Patrizia per i bambini di Rocchetta di Vara alluvionati il 25 ottobre. Sono pronti. Puoi aiutarci a fare il passaparola scrivendo un post e parlandone ai tuoi amici non bloggers?
    Tutti i particolari sono sul mio blog nel post:
    La Community di Cucina Italiana per Rocchetta di Vara

    RispondiElimina
  21. Che bel dolce, Sandrì! Non sapevo che le Marche avessero tutte ste delizie tradizionali... Pensa quante cose buone mi sono perso prima di conoscerti :-D Colgo l'occasione di questa visitina per augurarti un Natale meraviglioso... quasi quanto te! ;-) Ti voglio bene!!!

    RispondiElimina
  22. Che bello questo ciambellone abbellito a festa! Colgo l'occasione per augurarti Buone Feste! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  23. Uno spettacolo, Sandra !
    Con scampi, cavoli e patate mi hai ricordato mio nonno, che non per niente era di Matelica: per la sua famiglia (e lui lo ne ha tramandato la tradizione fino ai suoi 91 anni) non era Natale se in tavola non c'era il "cappone di galera": cavolfiore lessato e condito con aringa, sottoli, sottaceti, funghetti, capperi, uova sode, alicette e maionese (giusto un paio di cucchiai per golosità).
    E mi parlava anche del frustengo (e quest'anno rifarò il tuo :-D)
    Ciaooo
    Jacopo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che bello Jacopo allora conosci bene la mia regione e sono felice che farai il mio pristingo wowowowow !!!

      Grazieeeee

      Elimina
    2. In realtà, e mi vergogno a dirlo, ci sono venuto la prima volta lo scorso anno (con replica l'estate scorsa).
      Però me la sono girata bene, dal mare ai monti, dall'Abruzzo alla Romagna :-D
      I dolci ed alcuni piatti (frustenga, vincisgrassi, cappone ecc.) li conosco bene grazie a mio nonno ed alle sue sorelle :-D

      Elimina
  24. che bello Sandra, lo farò anche io...baci

    RispondiElimina
  25. che bello il tuo ciambello un'idea perfetta per le feste. Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  26. Sembra già Natale, è bellissimo lo farò!

    RispondiElimina
  27. hai detto una santissima cosa, forse nel tempo abbiamo perso un po' di valori, basterebbe tornare a sapersi accontentare di poco e non solo con il cibo. una grande lezione, grazie.
    buona settimana

    RispondiElimina

Ringrazio tutti voi che lasciate il segno e prego vivamente gli anonimi di firmarsi inoltre vi ricordo che potete consigliare questo post con il tasto g+1 di google, besos

Related Posts with Thumbnails